Rin Kaiho (1^ parte)


 
Rin Kaiho 林海峰
 
Avevo iniziato a scrivere questo file nel mese di agosto 2007, dopo di che non sono più riuscito a trovarlo tra la miriade di documenti sul Go in mio possesso: il file non è stato completato. Prima di perderlo nuovamente, ritengo perciò opportuno salvarlo qui, per completarlo appena ne avrò l’opportunità.
 
Lin Haifeng (questa è la pronuncia cinese del suo nome) nacque a Shanghai il 5 giugno 1942. Nel 1948 la sua famiglia si trasferì a Taiwan e fu lì che, durante uno dei suoi viaggi di propaganda del Go, il famoso Wu Qingyuan (universalmente conosciuto col nome giapponese di Go Seigen) scoprì il talento precoce di Rin: si era nel mese di agosto 1952 e ad ottobre Rin era già in Giappone a studiare per diventare professionista. Bastarono due soli anni al dodicenne Rin per diventare 1 dan. Nello stesso anno seguì la promozione a 2 dan.
Dopo un anno di stasi, seguirono le promozioni da 3 a 6 dan tra il 1957 ed il 1960. A soli 18 anni Rin era già nella elite del Go (quattro soli erano nel 1960 i 9 dan: Go Seigen, Fujisawa Hosai, Sakata Eio e Sugiuchi Masao, ai quali si unì, nel corso di tale anno Takagawa Kaku).
Nel 1962 Rin, vincendo il Torneo Oteai, venne promosso a 7 dan e tre anni dopo ottenne la promozione a 8 dan ottenendo un risultato ritenuto impensabile per due ordini di profili: la vittoria nel match valido per il Titolo Meijin e l’età del nuovo Meijin.
Sakata Eio Meijin aveva chiuso il 1964 con un record mai uguagliato e che molto difficilmente potrà essere anche soltanto eguagliato. Sakata vinse 6 dei sette titoli esistenti, subendo due sole sconfitte contro 30 vittorie (le due sconfitte gli furono inflite dai due Fujisawa; Shuko lo sconfisse in una delle cinque partite della finale per il Titolo Meijin; Hosai vinse la finale per designare lo sfidante al Titolo Judan): una sua sconfitta sembrava impossibile, all’epoca.
Non era soltanto la quasi imbattibilità di Sakata a rendere poco pronosticabile la vittoria di Rin: non si era mai visto, in tutta la storia del Go, un Meijin di soli 23 anni. Lo stesso Honinbo Dochi, il più giovane Meijin Godokoro del periodo Edo, divenne Meijin a 32 anni (è anche vero che lui stesso affermò che la promozione era avvenuta con almeno dieci anni di ritardo: affermazione immodesta, ma con un marcato fondo di verità).
Da allora in poi, il povero Sakata divenne la vittima preferita di Rin che ottenne contro di lui tre vittorie consecutive nel Meijin. Anche negli altri tornei Sakata veniva regolarmente sconfitto da Rin.
Nel 1967 Rin fu promosso 9 dan, ottenendo il premio Kido per il maggior numero di vittorie (30, contro 20 sconfitte).
Nel 1968 Rin conquistò anche il Titolo Honinbo (4-3 a Sakata) e nel 1969 divenne il secondo giocatore a detenere contemporaneamente il Titolo Meijin (tolto a Takagawa Kaku) e quello Honinbo (in questo secondo caso fu lo sfidante, Kato Masao, a stabilire un record che tuttora resiste: Kato era soltanto 5 dan quando sfidò Rin. Il record precedente, 6 dan, apparteneva a Sekiyama Riichi, vincitore del primo Titolo Honinbo nel 1941).
Nel 1970 Rin inflisse a Sakata due nuove umiliazioni: 4-0 nel 25° Honinbo e vittoria nel 17° NHK Hayago, mentre Fujisawa Shuko gli tolse il Meijin. Il punto di forza di Rin consisteva nella solidità di gioco e nella capacità di calcolo; ma soprattutto era la tenacia la sua più importante dote. Se, di lì a poco, Rin fu costretto a rivedere il proprio gioco, la tenacia restò sempre la sua caratteristica peculiare.
Nel 1971 apparve infatti un nuovo campione: Ishida Yoshio. La storia del 26° Honinbo è stata narrata da Iwamoto Kaoru in un interessante libro. Ishida, detto il Computer, per la sua capacità di calcolo, tolse a Rin il titolo Honinbo, sfruttando proprio quella che era considerata la miglior dote del suo avversario, sconfitto per tre anni di seguito (nel 1973 addirittura per 4-0). A Rin restava la consolazione del Titolo Meijin, da lui riconquistato e difeso, sempre contro Fujisawa Shuko, nel 1971 e nel 1972.
 
Nel 1973 Rin compì uno dei suoi capolavori (uno dei tanti, per la verità). Dopo aver perso per 0-4 il match per il Titolo Honinbo, Rin si trovava in svantaggio per 0-3 nel Meijin contro lo sfidante che, tanto per cambiare, era Ishida Yoshio. Nessuno prima di allora era riuscito a sopravvivere a tre Kadoban: Rin fu in grado di rovesciare il risultato vincendo per 4-3. Sullo slancio di questa vittoria, Rin conquistò anche il 21° Oza, battendo 2-1 Sakata.
 
Purtroppo per Rin, il quinquennio in cui Ishida fu quasi imbattibile non era ancora terminato, sicché nel 1974 anche il Titolo Meijin gli fu tolto da Ishida. Tagliato fuori dai due massimi titoli, Rin andò a caccia di altre vittorie, pur sempre importanti, e così nel 1974 vinse il 21° NHK ed il Pro Best Ten (3-0 a Takemiya 7 dan), nel 1975 il 13° Judan (3-0 ad Hashimoto Shoji).
Nel 1977, scomparso improvvisamente Ishida dal vertice, si ebbe il grande ritorno di Rin che non solo riconquistò il Titolo Meijin (4-0 al detentore Otake Hideo), ma ottenne un risultato complessivo di 42 vittorie contro 10 sconfitte, con una serie di 24 vittorie consecutive.
 
Stava per iniziare la seconda fase della carriera di Rin Kaiho. 
 
 
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: